Si è aperta una nuova era nel mondo del riconoscimento vocale.

Un video disponibile su Internet che mostra le funzionalità di ricerca vocale in Microsoft Bing ed un prototipo di app per Windows Mobile, sta generando molto interesse e aspettative. Il video è disponibile sul sito web di Microsoft Kitchen Web site e mostra gli enormi passi avanti fatti da Microsoft nell'ambito delle tecnologie di riconoscimento vocale.


 
Kirobo, il primo robot dotato di riconoscimento vocale nello spazio!

L'astronauta robot Kirobo è già entrato nella storia per essere il primo robot parlante inviato nello spazio.

L'umanoide giapponese alto circa 35 cm è a bordo della Stazione Spaziale Internazionale dal 10 agosto ed è apparso in video per la prima volta in video il 21 agosto: "Un robot ha fatto un piccolo passo verso un futuro più luminoso per tutti. Buongiorno a tutti sul pianeta Terra. Sono Kirobo, il primo astronauta robot parlante del mondo. Piacere di conoscervi."


La NASA sviluppa un sistema per il riconoscimento del silenzio: 'SUBVOCAL SPEECH'

Gli scienziati della NASA hanno iniziato ad analizzare la lettura silenzionsa utilizzando i segnali nervosi che controllano il parlato nella gola. Negli esperimenti preliminari, gli scienziati della NASA hanno scoperto che piccoli sensori della dimenzione di un bottone, posti sotto il mento e a fianco del pomo d'Adamo sono in grado di recepire i segnali nervosi, inviarli ad un processore e quindi con un algoritmo di interpretazione decifrarli in parole.


Apple sceglie Bing come motore di ricerca per Siri

Bing su iOS.

E' una di quelle notizie che potrebbero essere sfuggite se non si presta attenzione ai blog di Apple WWDC. Quando sarà rilasciato iOS 7 Siri sarà disponibile per la ricerca Twitter, Wikipedia — e Bing. Questa è una notizia con un potenziale enorme impatto: Apple ha deciso dunque di abbandonare il motore del gruppo di Mountain View, per appoggiarsi invece a quello targato Microsoft.


Come funziona l'udito selettivo nel nostro cervello

Ricercatori dell'UCSF Research spiegano l'effetto "Cocktail Party": la capacità di ascoltare una voce singola in una sala affollata.

Per comprendere come l’ascolto selettivo funzioni nel nostro cervello, Edward Chung, professore di Neurochirurgia e Fisiologia alla UCSF (Università California, San Francisco) ha analizzato tre pazienti durante un intervento chirurgico per un’epilessia grave.

L’intervento prevede che si individuino con estrema precisione le porzioni di cervello responsabili delle crisi. Il team dell’UCSF trova quei punti mappando le attività cerebrali per un periodo idi una settimana, utilizzando 256 elettrodi posizionati a livello della corteccia cerebrale che registrano le attività nel lobo temporale, dove si trova la corteccia uditiva.


© 2021 Reconice. All Rights Reserved. Powered by reconice